skip to content
  • it
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI
DEL SANNIO   Benevento
 

Eugenio Zimeo

Contatti

Eugenio Zimeo
Professore Associato
ING-INF/05 - Sistemi di Elaborazione delle Informazioni
+39 0824 305538

Attività curriculare

Eugenio Zimeo si è laureato con lode in Ingegneria Elettronica presso l'Università di Salerno ed ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in Ingegneria Informatica ed Elettronica presso l’Università di Napoli nel 1999. 

E' professore associato dal 2014 presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Università degli Studi del Sannio, Benevento,  dove insegna "Programmazione di Sistemi in Rete" e "Architetture e Sistemi Software Distribuiti". 

Dal 2000 al 2007 ha partecipato prima all'ideazione e poi alla progettazione di due Master in Tecnologie del Software, di cui è stato anche responsabile dei project work.
E' stato relatore di circa 150 tesi di laurea, e tutor e co-tutor di 8 studenti di dottorato.
I suoi interessi di ricerca riguardano architetture software, framework e middleware per sistemi distribuiti, service oriented, grid, cloud e P2P computing, autonomic computing, e reti sociali.

E' membro del Collegio dei Docenti del dottorato di ricerca "Tecnologie dell'Informazione per l'Ingegneria" del Dipartimento di Ingegneria dell'Università del Sannio ed è stato membro del Collegio dei Docenti del dottorato di ricerca in "Bioinformatica" della medesima università.

Afferisce al CerICT (Centro Regionale ICT). E’ coordinatore del nodo locale (Università del Sannio) del laboratorio CINI (Consorzio Inter-universitario Nazionale di Informatica) su “Smart Cities and Communites” (https://www.consorzio-cini.it/index.php/it/laboratori-nazionali/smart-ci...). In questo contesto, Eugenio Zimeo è anche coordinatore nazionale del focus group su eGovernment ed eInclusion, è direttore dell’unità di ricerca locale dell’Università del Sannio, è rappresentante di Ateneo nel Consiglio Direttivo del CINI ed è stato General Chair della conferenza I-CiTies 2016, tenutasi a Benevento.

Eugenio Zimeo è co-autore e co-editore di un libro a diffusione internazionale e autore di circa 100 articoli scientifici, la maggior parte dei quali è stata pubblicata in riviste internazionali e in atti di conferenze internazionali, ricevendo diversi riconoscimenti per best paper.

Ha svolto e svolge attività di revisore di diverse riviste internazionali tra le quali: 

  • IEEE Transactions on Software Engineering,
  • ACM Transactions on Software Engineering and Methodology,
  • IEEE Transactions on Parallel and Distributed Systems,
  • IEEE Transactions on Service Computing,
  • IEEE Transactions on Autonomous and Adaptive Systems,
  • IEEE Transactions on Industrial Informatics,
  • IEEE Systems Journal,
  • IEEE Software,
  • Journal of Software: Evolution and Process,
  • Journal of Software Maintenance and Evolution,
  • Journal of Systems and Software,
  • Journal of Networking and Computer Applications.

E’ membro di diversi comitati di programma e organizzatori di conferenze internazionali. 

E' stato co-organizzatore della scuola di dottorato in Ingegneria Informatica dal titolo "Boosting Services and Information in Adaptive Networked Enterprises", organizzata dal GII (Gruppo di Ingegneria Informatica) in collaborazione con il GRIN (GRuppo dei professori e dei ricercatori di INformatica) nel 2008 a L'Aquila dove ha tenuto una lezione dal titolo "Context-aware adaptation of Workflows in Networked Enterprises" ed è stato anche coordinatore dei project work.

E' stato coinvolto come partecipante e come responsabile scientifico in molti progetti di ricerca industriali ed accademici. Di seguito sono riportati i più recenti.

Dal 2017, è responsabile di Unità del PRIN GAUSS (Governing Adaptive and Unplanned Systems  of Systems) in collaborazione con l'Università di Milano Bicocca (coordinatore), Politecnico di Milano, Università di Bologna, Università de L'Aquila, Università di Bolzano, Università di Napoli "Federico II", CNR.

Dal 2014 al 2017, ha partecipato al PRIN IDEAS (Integrated Design of Adaptive Systems) in collaborazione con l'Università di Bologna (coordinatore), Politecnico di Milano, Università di Milano - Bicocca, Università de L'Aquila, Università di Bolzano.

Da giugno 2014 a dicembre 2016, Eugenio Zimeo è stato responsabile scientifico dell’unità di ricerca CerICT e Università del Sannio – del laboratorio pubblico/privato TEMOTEC (TEcnologie e MOdelli per la Tutela degli Ecosistemi Culturali), finanziato dal MIUR – PON R&C. Il progetto mira a sviluppare conoscenza e tecnologie per la conservazione e la fruizione dei beni culturali. Nell'ambito dello stesso progetto è stato anche Direttore del CTS del corso di formazione associato al progetto di ricerca.

Dal 2015 al 2016 è stato coinvolto come coordinatore dell'unità di ricerca dell'Università del Sannio nell'ambito del progetto OpenGoals, finanziato dalla Regione Campania - POR 2007-2013, con la partecipazione del CerICT e di piccole medie imprese.

Dal 2013 al 2015 è stato coinvolto come coordinatore dell’unità di ricerca dell’Università del Sannio nell’ambito del progetto MyOpenGov, finanziato dalla Regione Campania – POR 2007-2013, con la partecipazione del CerICT e di diverse piccole e grandi imprese.

Dal 2010 al 2011 ha partecipato al progetto europeo Qualipso (Quality Platform for Open Source Software), finanziato dalla Commissione Europea (Integrated Project) con la partecipazione di 18 organizzazioni da 9 paesi. Nell'ambito della partecipazione è stato fondato il Centro di Competenza italiano sul Software Open Source.

Dal 2007 al 2010 è stato responsabile scientifico di 9 progetti di ricerca, finanziati dalla Regione Campania nell'ambito del POR 2000-2006, in collaborazione con PMI su tematiche relative alla gestione della conoscenza e dei workflow adattivi, e di reti di sensori in diversi contesti applicativi.

Dal 2005 al 2009 è stato team leader e responsabile di attività del progetto FIRB Artdeco (Adaptive Infrastructure for Decentralized Organization), finanziato dal MIUR, un progetto di ricerca sulla gestione adattiva e context-aware dei workflow, reti di sensori e tecnologie RFID nell'ambito del supply chain management. Il progetto è stato sviluppato in collaborazione con il Politecnico di Milano, Università di Pisa, Università de L’Aquila, Università di Bolzano e IBM. 

Dal 2007 al 2008 è stato responsabile dell’unità di ricerca aggregata (Università del Sannio) della Rete di Eccellenza Europea "CoreGrid" relativa a middleware per Grid e P2P computing, con la partecipazione di 47 università e centri di ricerca europei. 

Dal 2005 al 2007 è stato responsabile dell’unità di ricerca (Dipartimento di Ingegneria/RCOST - Università del Sannio) e coordinatore tecnico del progetto LOCOSP (Modelli, Architetture e Piattaforme per la Gestione Integrata della Logistica della Conoscenza nella Supply Chain dello Sviluppo Prodotto nel Settore Automotive), finanziato dal MIUR. LOCOSP è un progetto di ricerca che ha coinvolto tre grandi partner industriali (FIAT, Engineering e Italtel) e ha riguardato la definizione di un’architettura orientata ai servizi per il project management avanzato e il monitoraggio in imprese manifatturiere. 

Eugenio Zimeo è stato responsabile scientifico di diverse convenzioni di ricerca stipulate dal Dipartimento di Ingegneria con importanti aziende italiane del settore ICT.

Ha svolto dal 2005 al 2010 attività di valutatore per la Commissione Europea (CE) per i progetti sottomessi al VI programma quadro ed in particolare ha supportato l'unità FET (Future and Emerging Technlogies) per le call FP6-2005-FET (Situated and Autonomic Communication), e FP6-2006-FET OPEN, ed è stato invitato (dall'unità FIRE - Future Internet Research and Experimentation Initiative) come revisore dei progetti NetRefound e COOPCOM finanziati nell'ambito dell'iniziativa FP6-2006-FET OPEN della CE (2007-2010). 

Collabora da diversi anni sia sul piano didattico che della ricerca con l'INRIA (FR), l'università di Cardiff (UK), l'università di Dortmund (D), l'università di Gottingen (D) e con diverse università italiane, tra cui il Politecnico di Milano, l'Università de L'Aquila, l'Università di Bolzano, l'Università della Calabria, l'Università di Pisa, l'Università di Palermo.

Ha partecipato all'organizzazione di quattro edizioni dell'iniziativa "Grid plugtests" promossa da INRIA ed ETSI (European Telecommunication Standard Institute) che dal 2004 al 2007 ha visto la partecipazione di molti ricercatori e centri di ricerca di tutto il mondo impegnati in soluzioni per il Grid computing.

Ha tenuto diversi talk, keynote e lezioni in scuole estive, tra cui:
“Managing Internet-Wide Business Processes” – summer school on Business Processes and Software Engineering, Ciudad Real, July 8-11, 2008. 
"From Component-Based to Service Oriented Computing: Towards Self-Evolution” Key-note del workshop FACS 07, Sophia Antipolis, 21 Settembre 2007.
“Grid Computing with an Extension of ProActive Groups” durante la II edizione del Grid plugtests organizzato da INRIA ed ETSI a Sophia Antipolis - October 10, 2005.
“ProActive Architecture and Application for the Management of Electrical Networks” durante la I edizione del Grid plugtests organizzato da INRIA ed ETSI a Sophia Antipolis,18-22 Ottobre 2004.

Data: 
martedì, 31 gennaio, 2017 - 18:00