skip to content
  • it
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI
DEL SANNIO   Benevento

Bilancio positivo per il Project Work multidisciplinare Unisannio-Gesesa

Termina la prima edizione del Project Work multidisciplinare targato Unisannio-GESESA. Un’esperienza positiva di cui si sono tratte le conclusioni nel corso di un convegno, l'8 giugno 2017, all’Università del Sannio con i 100 studenti partecipanti.

Il primo percorso di apprendimento innovativo, nel solco di una proficua collaborazione tra università e impresa, ha visto coinvolti il Dipartimento di Diritto, Economia, Management e Metodi quantitativi (DEMM) e il Dipartimento di Ingegneria (DING) dell’ateneo sannita, in collaborazione con la GESESA Spa, azienda del gruppo ACEA responsabile della gestione dei servizi idrici per la città di Benevento e provincia.

“Il primo passo è stato compiuto – ha dichiarato il rettore Filippo de Rossi - , adesso siamo pronti a rinnovare l’esperienza il prossimo anno per dare ad altri studenti la possibilità di avvicinarsi ad una realtà aziendale importante che lavora per il territorio”.

Nell’occasione, infatti, è stato siglato un nuovo accordo per l’attivazione del prossimo Project Work e per lo sviluppo di altre importanti attività come tirocini, tesi di laurea, progetti di ricerca, eventi seminariali.

L’amministratore delegato dell’azienda Piero Ferrari, ideatore e anima dell’iniziativa, ha ribadito: “Diamo a questo evento una valenza strategica e abbiamo la pretesa di occuparci con l’università della formazione dei prossimi professionisti che segneranno il futuro della GESESA. Nei mesi a venire – ha continuato – occuperemo alcuni ragazzi che hanno partecipato al progetto in attività di stage presso i nostri uffici. E se l’azienda cresce, come il management si augura, saremo anche in grado di creare buona occupazione”.

A ricordo, la GESESA ha donato all’Università del Sannio una fontanella, istallata nel chiostro di Palazzo San Domenico. “La fontana – ha spiegato Ferrari - è il simbolo che ci lega perché come l’acqua che scorre, insieme possiamo creare un fiume di conoscenze”.