skip to content
  • it
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI
DEL SANNIO   Benevento

Laurea Magistrale in Biologia

Informazioni generali

Tipo di corso: 
Classe di "corso": 
Codice: 
506
Titolo di accesso: 
Laurea triennale
Tipo di accesso: 
Libero
Durata in anni: 
2
Crediti: 
120
Anno attivazione: 
2011
Lingua del corso: 
Italiano
Curriculum corso: 
BIOSANITARIO
RISORSE ALIMENTARI E NUTRIZIONE
Requisiti di ammissione: 

Possono accedere al Corso di LM in Biologia:

a) i laureati nella classe delle Lauree Triennali in Scienze Biologiche (L-13) e Classi di Laurea affini con particolare riferimento a Biotecnologie (L-2) ovvero in possesso di altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto idoneo;

b) i laureati in classi di laurea non affini e che abbiano acquisito un numero di CFU almeno pari ai minimi tabellari previsti per gli ambiti disciplinari delle attività formative della Classe L2 e della Classe L13.

Per l'accesso al Corso di LM in Biologia è inoltre richiesta una adeguata conoscenza della lingua Inglese certificata dal superamento di un esame di almeno 3 CFU nel corso di laurea triennale o mediante un diploma almeno di livello B1, secondo il Quadro Comune Europeo di riferimento per le Lingue. In assenza di tali requisiti, il candidato verrà ammesso con riserva fino al conseguimento di almeno 3 CFU di Lingua Inglese.

La verifica della adeguata preparazione personale e della congruità complessiva del percorso formativo precedente avviene attraverso la valutazione scientifico-culturale del curriculum.

Per i laureati di cui al punto b) del quadro A3.A è necessario ottenere dal Presidente del Consiglio di Corso di Studio un parere preventivo favorevole rispetto all'immatricolazione al Corso. Il Presidente esprime il suo parere sulla base dei criteri riportati nel suddetto quadro A3.a.

Modalità prova finale: 

La prova finale, per il conseguimento della Laurea Magistrale in Biologia (classe LM-6), consiste nella presentazione orale, in seduta pubblica, preferibilmente corredata dalla proiezione di diapositive, di una tesi sperimentale di ambito biologico, redatta dallo studente con la supervisione di un docente con funzione di relatore. La presentazione si svolge al cospetto della commissione di laurea, nominata dal Direttore del Dipartimento di Scienze e Tecnologie, e presenta lo stato dell'arte rispetto all'argomento affrontato, l'obiettivo della ricerca, i metodi sperimentali, i risultati ottenuti, la discussione dei risultati stessi con relative prospettive ed eventuali conclusioni.

Contenuti

Descrizione: 

Il Corso di Laurea Magistrale in Biologia, appartenente alla Classe di Laurea L-6 Biologia, ha una durata di due anni accademici. Possono accedere al Corso di Laurea Magistrale in Biologia tutti i laureati nella classe delle Lauree Triennali in Scienze Biologiche e (L-13) e Biotecnologie (L-2) e Classi di Lauree affini.

Il conseguimento del titolo di studio prevede l'acquisizione di 120 crediti formativi universitari (CFU). Le attività previste dai CFU comprendono didattica frontale,attività laboratoriali assistite, attività individuale di stage o tirocinio in Laboratori anche esterni all' Ateneo del Sannio in Italia e all'estero allo scopo di redigere un lavoro originale di tesi sperimentale.
Il Corso di Laurea Magistrale in Biologia è organizzato in due diversi curricula: 1) Biosanitario e 2) Risorse alimentari e Nutrizione. Il curriculum Biosanitario ha tra gli obiettivi formativi la preparazione di laureati che, alla fine del loro percorso, siano capaci di associare un'approfondita cultura biologica di base ad una solida preparazione scientifica ed operativa nei settori della ricerca biosanitaria e della pratica diagnostica. Obiettivi di tale indirizzo sono l'acquisizione di un'appropriata conoscenza di discipline dell'ambito biosanitario, biomolecolare e di metodologie di analisi avanzate.

Il curriculum Risorse alimentari e Nutrizione ha l'obiettivo di formare una figura professionale autonoma che possiede conoscenze e competenze specifiche nell'ambito degli alimenti e dei nutrienti, ed è quindi capace di valutare la composizione, la qualità nutrizionale, l'efficacia funzionale, e l'idoneità degli alimenti per il consumo umano nonché gli aspetti associati all'alimentazione in eccesso o in difetto nelle popolazioni o in gruppi di popolazioni. Obiettivi di tale indirizzo sono anche l'acquisizione delle nuove tecnologie applicate all'alimentazione e nutrizione umana attraverso un approccio distinto ed integrato a quello sanitario.
Il laureato magistrale in Biologia potrà così rivestire ruoli di elevata responsabilità, da svolgere in autonomia, nel campo della ricerca biomedica di base ed applicata, della nutrizione umana, della gestione e controllo di processi analitici nell'ambito di strutture a vocazione molecolare-diagnostico e farmaceutico, della promozione e sviluppo biotecnologico e, infine, della divulgazione scientifica.

 

Profilo e sbocchi professionali: 

Biologo

funzione in un contesto di lavoro:
Il laureato magistrale in Biologia ricopre un ruolo di responsabilità nel condurre attività di ricerca di base ed applicata in istituti pubblici e privati nell'ambito biomedico, biotecnologico ed ambientale. Inoltre, egli ha la capacità di portare avanti attività di gestione e controllo di processi analitici in laboratori a vocazione diagnostico-molecolare e farmaceutica. Il laureato magistrale in Biologia promuove ancora lo sviluppo tecnologico in campo genetico, biochimico-molecolare e farmaceutico. Infine, lo studente Magistrale in Biologia può condurre attività di diffusione e divulgazione scientifica.

competenze associate alla funzione:
Il laureato Magistrale in Biologia acquisisce le conoscenze inerenti i meccanismi molecolari fisiologici e patologici in riferimento soprattutto alla salute umana. Egli apprende gli elementi di base che consentono di definire come detti meccanismi sono regolati. Inoltre, il laureato Magistrale in Biologia sa utilizzare le metodologie biochimiche e molecolari più innovative nel campo della ricerca biosanitaria che rendono possibile l'analisi e la diagnosi di possibili malfunzionamenti di sopra menzionati meccanismi. Infine, egli conosce tutti gli strumenti farmacologici che possono essere utilizzati a scopo preventivo e terapeutico.

sbocchi occupazionali:
Il laureato magistrale in Biologia potrà rivestire ruoli di elevata responsabilità da svolgere in autonomia in:
-attività di ricerca di base ed applicata ai campi biomedico, microbiologico, biotecnologico ed ambientale in istituti di ricerca pubblici o privati;
-attività di controllo e gestione negli ambiti molecolare-diagnostico e farmaceutico;
-attività di controllo e gestione in campo ambientale, con particolare riguardo all'analisi e controllo della biodiversità degli organismi animali e vegetali;
-attività di promozione ed innovazione scientifica e tecnologica in campo genetico, biologico molecolare, cellulare, farmaceutico ed ambientale;
-attività di diffusione e divulgazione scientifica delle conoscenze acquisite.
La figura professionale di Biologo è riconosciuta e tutelata da uno specifico Albo Professionale. Per il laureato magistrale è prevista l'iscrizione alla sezione A dell'Albo dell'Ordine Nazionale dei Biologi, previo superamento di un Esame di Stato.
Per l'insegnamento è previsto il completamento di un processo di abilitazione ed il superamento dei concorsi previsti dalla normativa vigente.

competenze associate alla funzione:

Il laureato Magistrale in Biologia acquisisce le conoscenze inerenti i meccanismi molecolari fisiologici e patologici in riferimento soprattutto alla salute umana. Egli apprende gli elementi di base che consentono di definire come detti meccanismi sono regolati. Inoltre, il laureato Magistrale in Biologia sa utilizzare le metodologie biochimiche e molecolari più innovative nel campo della ricerca biosanitaria che rendono possibile l'analisi e la diagnosi di possibili malfunzionamenti di sopra menzionati meccanismi. Infine, egli conosce tutti gli strumenti farmacologici che possono essere utilizzati a scopo preventivo e terapeutico.

sbocchi occupazionali:

Il laureato magistrale in Biologia potrà rivestire ruoli di elevata responsabilità da svolgere in autonomia in:

 
-attività di ricerca di base ed applicata ai campi biomedico, microbiologico, biotecnologico ed ambientale in istituti di ricerca pubblici o privati;
-attività di controllo e gestione negli ambiti molecolare-diagnostico e farmaceutico;
-attività di controllo e gestione in campo ambientale, con particolare riguardo all'analisi e controllo della biodiversità degli organismi animali e vegetali;
-attività di promozione ed innovazione scientifica e tecnologica in campo genetico, biologico molecolare, cellulare, farmaceutico ed ambientale;
-attività di diffusione e divulgazione scientifica delle conoscenze acquisite.
La figura professionale di Biologo è riconosciuta e tutelata da uno specifico Albo Professionale.

Per il laureato magistrale è prevista l'iscrizione alla sezione A dell'Albo dell'Ordine Nazionale dei Biologi, previo superamento di un Esame di Stato. Per l'insegnamento è previsto il completamento di un processo di abilitazione ed il superamento dei concorsi previsti dalla normativa vigente.

Il Corso prepara alla professione di:

  1. Biologi e professioni assimilate - (2.3.1.1.1)
  2. Ricercatori e tecnici laureati nelle scienze biologiche - (2.6.2.2.1)

 

 

 

 

Uffici