skip to content
  • it
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI
DEL SANNIO   Benevento

Dottorato in Scienze e Tecnologie per l’Ambiente e la Salute

Informazioni generali

Tipo di corso: 
Titolo di accesso: 
Laurea magistrale
Tipo di accesso: 
Concorso
Durata in anni: 
3
Anno attivazione: 
2014
Lingua del corso: 
Italiano, Inglese

Profilo e sbocchi professionali

Il Dottorato di Ricerca in Scienze e Tecnologie per l'Ambiente e la Salute, istituito dal XXIX Ciclo (a.a 2013-14), è stato ideato per fornire alta formazione e opportunità di ricerca a giovani laureati in differenti discipline scientifiche ed abbiano interesse a proseguire gli studi per approfondire le conoscenze e diventare protagonisti nella ricerca tecnologico-ambientale con risvolti anche applicativi nel campo della salute e nella sicurezza dell'ambiente. 

Il titolo di Dottore di Ricerca in “Scienze e Tecnologie per l’Ambiente e la Salute”, consente di accedere a posti di ricercatore universitario o post-doc presso Istituzioni accademiche nazionali ed internazionali, di coprire posizioni di ricerca e organizzative presso agenzie governative, istituzioni private, centri di ricerca ed aziende, operanti nei settori delle tecnologie applicate allo studio del territorio, dell’ambiente e salute, della biomedicina, della biosanità e della protezione ambientale.

Requisiti di ammissione

L'ammissione al corso di dottorato è svolta sulla base di una selezione pubblica che deve essere completata entro il 30 settembre di ciascun anno. Le domande di partecipazione possomno essere presentate, senza limiti di cittadinanza, da tutti quelli che sono in possesso di una laurea magistrale o equivalente.

 

 

Modalità prova finale

Il titolo di Dottore di Ricerca, abbreviato con le diciture: "Dott.Ric." ovvero "Ph.D.", è rilasciato a seguito della positiva valutazione di una tesi di ricerca che contribuisca all'avanzamento delle conoscenze o delle metodologie nel campo di indagine prescelto.

La tesi di dottorato, corredata da una sintesi in lingua italiana o inglese, è redatta in lingua preferibilmente inglese ovvero in altra lingua previa autorizzazione del Collegio dei Docenti.

La tesi, alla quale è allegata una relazione del dottorando sulle attività svolte nel corso del dottorato e sulle eventuali pubblicazioni, è valutata da almeno due docenti di elevata qualificazione, anche appartenenti a istituzioni estere, esterni ai soggetti che hanno concorso al rilascio del titolo di dottorato, di seguito denominati valutatori, nominati con Decreto Rettorale su proposta del Collegio dei Docenti. I valutatori esprimono un giudizio analitico scritto sulla tesi e ne propongono la ammissione alla discussione pubblica o il rinvio per un periodo non superiore a sei mesi se ritengono necessarie significative integrazioni o correzioni. Trascorso tale periodo, la tesi è in ogni caso ammessa alla discussione pubblica, corredata da un nuovo parere scritto dei medesimi valutatori, reso alla luce delle correzioni o integrazioni eventualmente apportate.

La discussione pubblica si svolge innanzi a una commissione nominata dal Rettore su proposta del Collegio dei Docenti e composta da tre membri scelti tra i professori e i ricercatori di ruolo, specificamente qualificati nelle discipline attinenti alle aree scientifiche a cui si riferisce il corso. Almeno due membri devono appartenere a università, anche straniere, non partecipanti al Corso di Dottorato di Ricerca e non devono essere componenti del Collegio dei Docenti. Su richiesta del Collegio dei Docenti, uno o più valutatori possono essere invitati a partecipare alla discussione pubblica con funzione consultiva. La Commissione deve assicurare la conclusione delle operazioni entro 90 giorni dalla data del Decreto Rettorale di nomina.

Al termine della discussione di cui al precedente comma, la tesi, con motivato giudizio scritto collegiale, è approvata o respinta. La commissione, con voto unanime, ha facoltà di attribuire la lode in presenza di risultati di particolare rilievo scientifico.

L'Università degli Studi del Sannio potrà rilasciare il certificato di Doctor Europaeus secondo la normativa della CRUI e della European University Association (EUA) su richiesta del dottorando in possesso dei seguenti requisiti: valutazione del lavoro di tesi redatta da almeno due professori provenienti da due Università di due paesi dell’Unione Europea diversi da quello in cui la tesi viene discussa; almeno un membro della commissione giudicatrice deve appartenere ad un paese della Unione Europea diverso da quello in cui la tesi viene discussa; parte della discussione deve avvenire in una delle lingue ufficiali della Unione Europea diverse da quella del paese in cui la tesi viene discussa; la ricerca presentata nella tesi deve essere stata eseguita in parte durante un soggiorno di almeno tre mesi in un paese della Unione Europea.

Il diploma finale sarà consegnato ai Dottori di Ricerca nell’ambito di una cerimonia pubblica presieduta dal Rettore o da un suo delegato.

Uffici