skip to content
  • it
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI
DEL SANNIO   Benevento

Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Giurisprudenza

Informazioni generali

Tipo di corso: 
Classe di "corso": 
Codice: 
904
Titolo di accesso: 
Diploma
Tipo di accesso: 
Test di autovalutazione
Durata in anni: 
5
Crediti: 
300
Anno attivazione: 
2006
Lingua del corso: 
Italiano
Curriculum corso: 
GENERALE

Descrizione

Il Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza dell’Università del Sannio, di durata quinquennale, offre una solida preparazione in tutte le materie e le aree fondamentali del sapere giuridico, fornisce conoscenze storico-filosofiche ed economiche, favorisce la conoscenza e l’uso delle tecniche di argomentazione e di decisione, nonché lo sviluppo di capacità critico-analitiche, comunicative, applicative e di problem solving, essenziali per il giurista moderno, chiamato a operare in ambienti sempre più improntati alla multidisciplinarietà, all’internazionalizzazione, al multiculturalismo e al pluralismo.

Al contempo, attraverso insegnamenti caratterizzanti, affini-integrativi e a scelta dello studente, il piano di studi è arricchito da diverse aree di specializzazione, al fine di corrispondere alle esigenze del mercato del lavoro contemporaneo e, in particolare, alle richieste provenienti da enti, amministrazioni pubbliche, imprese, istituzioni culturali, studi legali e organi dell’informazione, operanti in ambito nazionale e transnazionale.

In questa prospettiva, il Corso di Studio in Giurisprudenza si presenta articolato in tre diversi percorsi formativi altamente specializzanti e professionalizzanti, ciascuno dotato di caratteristiche e finalità proprie.

Il percorso denominato DIRITTO IN AZIONE, rivolto soprattutto agli studenti che intendono accedere alle classiche professioni legali e coniugare il “sapere” al “saper fare”, si caratterizza per l’estrema attenzione prestata alla dimensione applicativa del diritto, offrendo una solida preparazione giuridica e culturale di base, potenziata da attività formative di taglio pratico-esperienziale.

Il percorso denominato DIRITTO ED ECONOMIA, attivato sfruttando l’interdisciplinarietà del Dipartimento di Diritto, Economia, Management e Metodi Quantitativi dell’Università del Sannio (DEMM), è rivolto agli studenti interessati ad ampliare il ventaglio di opportunità lavorative del giurista, come esperto legale in enti, imprese e istituti di credito. Il percorso prevede la possibilità di maturare un elevato numero di crediti formativi universitari (CFU) in ambito disciplinare economico, aziendale e statistico-matematico, sì da consentire ai laureati in Giurisprudenza di iscriversi al secondo anno del Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management del Dipartimento DEMM e di conseguire, con un solo anno aggiuntivo, una seconda laurea magistrale. In definitiva, accedendo al percorso formativo DIRITTO ED ECONOMIA, con un impegno di studio complessivo di sei anni, si può conseguire un doppio titolo di laurea magistrale: in Giurisprudenza e in Economia e Management.

Infine, il percorso denominato STUDI EUROPEI E INTERNAZIONALI valorizza ulteriormente l’insegnamento delle materie comparatistiche e internazionalistiche, nonché delle lingue e dei lessici giuridici stranieri. Oltre al programma Erasmus+, il percorso prevede l’attivazione di un doppio titolo di laurea con l’Università Castilla La Mancha, nell’ambito del quale una parte del ciclo di studi si svolge in Italia e una parte in Spagna. Gli studenti possono così conseguire, nel quinquennio, sia la Laurea Magistrale in Giurisprudenza in Italia, sia il Grado en Derecho presso il Campus de Albacete dell’ateneo spagnolo. Il Grado en Derecho consente, infine, all’esito di un master professionalizzante, di conseguire, in Spagna, il titolo di abogado, riconosciuto anche in Italia ai fini dell’esercizio della professione forense.

Profilo e sbocchi professionali

OBIETTIVI FORMATIVI SPECIFICI

Il Corso di Studio in Giurisprudenza garantisce il raggiungimento degli obiettivi formativi qualificanti della classe di laurea magistrale LMG/01, fornendo le conoscenze e le competenze necessarie per l'accesso alle professioni legali e/o a funzioni di dirigenza in pubbliche amministrazioni e imprese (pubbliche e private) e spendibili anche nel contesto transnazionale.

Oltre a un'indispensabile e solida formazione di base, il Corso di Studio intende offrire un progetto formativo innovativo, che consenta di acquisire un profilo culturale e professionale caratterizzato da:

  • una notevole specializzazione;
  • una visione internazionale e comparata del diritto anche connessa alla conoscenza del linguaggio giuridico in una lingua dell'Unione europea diversa dall'italiano;
  • una dimensione socio-economica delle questioni giuridiche;
  • capacità di saper governare una pluralità di fonti normative rispetto alla medesima problematica.

Per realizzare gli obiettivi su indicati, il Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza predispone una programmazione didattica che prevede tre percorsi formativi (tutti comunque volti a fornire le basi per affrontare l'esame di abilitazione alla professione forense, il concorso in magistratura e notarile), che consentono approfondimenti specifici ognuno in un ambito diverso:

  1. un percorso forense, denominato Diritto in azione, volto ad approfondire le specifiche conoscenze che appaiono utili ad accedere alle professioni classiche, come quella di magistrato, notaio e avvocato;
  2. un percorso economico, denominato Diritto ed economia, volto a offrire specifiche competenze allo studente che si prefigga di diventare giurista nelle imprese, negli istituti di credito e nelle assicurazioni;
  3. un percorso internazionale, denominato Studi europei e internazionali, volto ad offrire specifiche competenze per il giurista che intenda affrontare la sua professione nello scenario internazionale, vale a dire nell'ambito di organizzazioni internazionali o in contesti in cui la conoscenza delle lingue applicata al diritto, l'internazionalizzazione e gli studi comparatistici appaiono di fondamentale importanza. In questa prospettiva, risulta attivo il diploma di doppio titolo con la Spagna (double degree in Giurisprudenza e in Derecho).

Tutti gli studenti sono tenuti a sostenere gli esami previsti nei primi sei semestri (triennio) durante i quali la didattica è di tipo tradizionale e gli studenti apprendono le conoscenze e le competenze giuridiche fondamentali, conseguendo la quasi totalità dei crediti previsti (e vincolati) dalla tabella ministeriale. Durante gli ultimi 4 semestri (biennio), invece, la didattica è orientata maggiormente a fornire agli studenti, anche attraverso i c.d. laboratori del diritto, la metodologia del case method, le tecniche di analisi, di interpretazione e di problem solving, che potranno essere utilizzate già nella redazione dell'elaborato finale. A partire dal quarto anno i corsi acquisiscono un taglio sempre più orientato al case study attraverso i quali gli studenti uniscono le conoscenze teoriche acquisite nei primi anni, con lo studio di casi pratici.

In sintesi, dopo un triennio comune finalizzato al conseguimento di una solida preparazione giuridica di base, gli studenti, in base alle loro aspirazioni professionali, si orientano, nell'ultimo biennio (benché l'opzione vada esercitata al termine del 2° anno di corso), verso uno dei percorsi formativi proposti dal Corso di Studio. In questo modo, lo studente raggiunge l'obiettivo formativo generale, che consiste nella conoscenza sicura e ampia dei fenomeni normativi, e gli obiettivi formativi specifici del percorso prescelto, unitamente a ulteriori importanti conoscenze in singoli settori del diritto, competenze informatiche per il monitoraggio delle fonti giuridiche e giurisprudenziali e per la redazione di testi giuridici, tecniche di mediazione e di gestione extragiudiziale dei conflitti, lessico giuridico anche in altre lingue dell'UE.

Entrando più nel dettaglio, i tre percorsi formativi appaiono quasi del tutto analoghi per quanto concerne le attività di base e caratterizzanti (216 cfu in totale), differenziandosi nell'ambito delle attività affini o integrative (39 cfu in totale) e degli insegnamenti a scelta (18 cfu in totale).

Lo studente che scelga il percorso DIRITTO IN AZIONE sostiene, nel biennio finale, tre esami rientranti nelle attività formative affini o integrative e due esami a scelta (da 9 cfu), in specifiche aree, tra le quali, quella civilistico-commerciale, lavoristica e processuale. Una speciale attenzione è rivolta alla dimensione applicativa del diritto ed esperienziale (learn by doing), con insegnamenti dall'accentuato taglio pratico, nel corso dei quali lo studente è formato, tra l'altro, sulle tecniche di argomentazione ed esposizione di casi pratici e sulle tecniche di redazione di atti e pareri. ll percorso è rivolto soprattutto agli studenti che intendono accedere alle classiche professioni legali e coniugare il “sapere” al “saper fare”.

Lo studente che opti per il percorso DIRITTO ED ECONOMIA sostiene, nel biennio finale, tre esami rientranti nelle attività formative affini o integrative e due esami a scelta (da 9 cfu), negli ambiti disciplinari economico, aziendale e statistico-matematico, sì da acquisire una solida preparazione in materie strettamente attinenti alla vita delle imprese (giurista d'impresa). ll percorso è rivolto agli studenti interessati ad ampliare il ventaglio di opportunità lavorative del giurista, come esperto legale in enti, imprese e istituti di credito. Consentendo l'acquisizione di un elevato numero di crediti formativi universitari in ambito disciplinare economico, aziendale e statistico-matematico, il percorso permette, altresì, ai laureati in Giurisprudenza di iscriversi al secondo anno del Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management del Dipartimento DEMM e di conseguire, con un solo anno aggiuntivo, una seconda laurea magistrale. In definitiva, accedendo al percorso formativo DIRITTO ED ECONOMIA, con un impegno di studio complessivo di sei anni, si può conseguire un doppio titolo di laurea magistrale: in Giurisprudenza e in Economia e Management.

Lo studente che scelga il percorso STUDI EUROPEI E INTERNAZIONALI sostiene, nel biennio finale, tre esami rientranti nelle attività formative affini o integrative e due esami a scelta (tutti da 9 cfu), nelle aree internazionalistiche, linguistiche e comparatistiche. Questo percorso consente inoltre, di conseguire la Laurea Magistrale in Giurisprudenza in Italiana presso l’ateneo sannita e il Grado en Derecho in Spagna, svolgendo una parte del ciclo di studi (18 mesi) nel Campus de Albacete (Università Castilla La Mancha).

RISULTATI DI APPRENDIMENTO ATTESI

CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE

Il laureato magistrale ha conoscenze idonee a comprendere tutti i settori del diritto positivo in una prospettiva non meramente normativa, ma anche culturale e sociale. Partendo dall'evoluzione storica del diritto, s'intende fornire allo studente un apparato sistematico e critico di conoscenze legate alla struttura dell'esperienza giuridica, sia nazionale che sovranazionale e comparata, arrivando ad avere una comprensione profonda dell'impatto della tecnologia sui processi relativi, del lessico giuridico anche in una lingua dell'UE diversa dall'italiano, sviluppando, altresì, capacità di cogliere le crescenti connessioni, da un lato, tra la dimensione nazionale e sovranazionale del diritto, dall'altro lato, tra il mondo economico-finanziario e quello giuridico. Dunque, il laureato in Giurisprudenza conosce e comprende, nelle sue linee fondamentali, il sistema delle relazioni internazionali e il diritto europeo. Ha conseguito le conoscenze storiche e di teoria generale, che risultano necessarie per valutare principi e istituti del diritto attuale anche alla luce della loro evoluzione nel tempo. È in grado di comprendere singole norme, inquadrandole nel sistema normativo al quale appartengono, di individuarne radici e modelli in un'ottica di comparazione, che tenga conto degli intrecci tra le grandi famiglie degli ordinamenti giuridici (Civil Law, Common Law). Nel corso dei primi tre anni vengono gettate le fondamenta di una solida conoscenza della cultura giuridica di base nazionale ed europea, mentre la capacità di affrontare tematiche più complesse è affinata, in particolare, tramite gli insegnamenti degli ultimi due anni, destinati a fornire competenze specialistiche nei diversi ambiti del sapere giuridico e a consentire allo studente di approfondire, seguendo le proprie aspirazioni e i propridesiderata, le materie più confacenti ai propri interessi, nell'ambito del percorso prescelto, e di acquisire così ulteriori specifiche conoscenze e competenze.

Le conoscenze sono acquisite mediante diversi strumenti didattici:

  • lezioni frontali;
  • attività di tutorship;
  • laboratori;
  • seminari;
  • stage e tirocinio.

È parte integrante della formazione lo studio individuale. La preparazione della prova finale costituisce un'ulteriore rilevante occasione di approfondimento di argomenti specifici. L'accertamento dell'effettivo apprendimento è effettuato tramite esercitazioni e prove in itinere e finali.

CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE

Il laureato magistrale ha gli strumenti per interpretare il diritto positivo come prodotto sociale complesso. Ha acquisito la capacità di applicare le proprie conoscenze alla soluzione di specifici problemi giuridici in contesti professionali diversi: da quelli propri delle professioni legali tradizionali a quelli specifici dei giuristi inseriti in imprese pubbliche e private, nei vari settori della pubblica amministrazione, in istituzioni comunitarie e in organizzazioni internazionali. Tali capacità di applicazione sono conseguite tramite:

  • laboratori del diritto e attività che comportino la stesura concreta di documenti, contratti, atti processuali, svolti anche mediante lavori di gruppo;
  • attività esterne quali stage e tirocini presso aziende pubbliche e private, enti e istituzioni, studi professionali.

Anche la preparazione della tesi rappresenta un momento per l'applicazione delle competenze acquisite.

La verifica dell'acquisizione di tali capacità è effettuata attraverso prove scritte e/o orali e attraverso laboratori ed esercitazioni, la frequenza di seminari, le esperienze di tirocinio.

AUTONOMIA DI GIUDIZIO

Il laureato in Giurisprudenza acquisisce un pensiero critico che lo pone in grado di approccarsi alla complessità dell'ordinamento nazionale e internazionale, nonché alle dinamiche giuridiche innescate da una visione sempre più globale dei problemi. L'acquisizione, durante l'intero percorso formativo, degli strumenti metodologici utili per la raccolta, l'interpretazione e l'applicazione delle fonti normative, è determinante per aiutare il giurista a guardare, in una prospettiva comparatistica e internazionalistica, ai problemi giuridici e alle loro soluzioni da differenti prospettive, nonché per lo sviluppo di un'attitudine all'individuazione delle soluzioni dei casi pratici, per la giustificazione del procedimento attraverso il quale si consegue il risultato, per la disamina critica di soluzioni alternative.

Le capacità di giudizio evidenziate sono acquisite tramite il combinarsi di:

  • forme di apprendimento più tradizionale (lezioni frontali di carattere istituzionale, e studio sui manuali e sulle fonti indicate nel corso);
  • ricerche specifiche organizzate su temi approfonditi, eventualmente anche informa di gruppo o collettiva;
  • simulazioni di processi in ogni ambito formativo;
  • lezioni impartite con metodo problem based;
  • elaborazione e discussione della tesi di laurea;
  • tirocini formativi;
  • periodi di studio all'estero, sia per sostenere e superare singoli esami sia per preparare o approfondire la tesi di laurea.

Queste capacità sono verificate tramite:

  • sostenimento e superamento dei singoli esami;
  • redazione ed esposizione di tesine nell'ambito dei singoli corsi;
  • elaborazione e discussione della tesi di laurea.

ABILITÀ COMUNICATIVE

I laureati magistrali in Giurisprudenza sono in grado di comunicare in forma scritta e orale informazioni, idee, problemi e soluzioni a interlocutori specialisti e non specialisti in ambito giuridico. Acquisiscono abilità oratorie e di argomentazione, con attenzione anche agli aspetti della dialettica e della retorica; sono in grado di negoziare, stabilire relazioni fiduciarie, comunicare, lavorare in team.

Il Corso di Studio è orientato a sviluppare la capacità di comunicare il sapere giuridico mediante:

  • prove d'esame orali basate sulla valutazione oltre che delle nozioni anche delle capacità espositive e argomentative;
  • elaborazione e discussione di prove scritte intermedie;
  • elaborazione, stesura e discussione della tesi di laurea;
  • partecipazione ad esercitazioni su casi pratici e a simulazioni processuali o di mediazione dei conflitti;
  • partecipazione a seminari e momenti di interazione con visiting professors stranieri per acquisire dimestichezza con il linguaggio giuridico anche nelle lingue diverse dall'italiano;
  • tirocini formativi.

Queste capacità sono verificate tramite:

  • sostenimento e superamento dei singoli esami;
  • redazione ed esposizione di tesine nell'ambito dei singoli corsi;
  • elaborazione e discussione della tesi di laurea.

CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO

Nella piena consapevolezza dell'intrinseca obsolescenza e mutevolezza del dato normativo, i laureati magistrali in Giurisprudenza acquisiscono le capacità di approfondimento e di autonomo aggiornamento che consentono al professionista di integrare le conoscenze acquisite durante gli studi con quelle dovute alle evoluzioni del sistema giuridico.

Queste capacità sono acquisite tramite:

  • preparazione degli esami lungo il corso di studi;
  • redazione di tesine nell'ambito dei singoli esami;
  • elaborazione della tesi di laurea.

Queste capacità sono verificate tramite:

  • sostenimento e superamento dei singoli esami;
  • esposizione di tesine nell'ambito dei singoli corsi;
  • discussione della tesi di laurea.

Requisiti di ammissione

Per essere ammessi al Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza occorre essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore di durata quinquennale o di altro titolo di studio conseguito all'estero e riconosciuto come idoneo.

Sono altresì richieste le seguenti conoscenze e competenze:

  • buona cultura generale
  • capacità logiche e di ragionamento
  • capacità di comprendere e interpretare testi e documenti in lingua italiana
  • conoscenza di nozioni giuridiche di base

Le conoscenze e le competenze vengono verificate attraverso lo svolgimento di un test di ingresso, basato su quesiti risolubili con gli strumenti della logica e predisposto da un apposito gruppo di lavoro (Commissione per la verifica dei requisiti di accesso al Corso di Laurea). Il test è obbligatorio, ma non ha carattere selettivo, giacché l’eventuale esito negativo non pregiudica l’iscrizione al Corso di Laurea.

Se il test non ha esito positivo, vengono attribuiti specifici obblighi formativi aggiuntivi (OFA).

L'assolvimento degli obblighi formativi è oggetto di specifica verifica. L'esito positivo di tale verifica equivale all'adempimento degli OFA.

Modalità prova finale

Vedi il Regolamento del Corso di Studio in Giurisprudenza e l'allegato Regolamento della prova finale

Uffici

Inserisci l'anno iniziale dell'anno accademico di tuo interesse
A.A.: 
2019 / 2020

Insegnamenti

ANALISI ECONOMICA DEL DIRITTO
BIODIRITTO
DIRITTO AMMINISTRATIVO
DIRITTO CIVILE
DIRITTO CIVILE
DIRITTO CIVILE DELL'AMBIENTE
DIRITTO COMMERCIALE 1
DIRITTO COMMERCIALE 2
DIRITTO COMPARATO
DIRITTO COMPARATO
DIRITTO CONTRATTUALE EUROPEO E TRANSNAZIONALE
DIRITTO COSTITUZIONALE
DIRITTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI
DIRITTO DEI CONTRATTI
DIRITTO DEL COMMERCIO INTERNAZIONALE DEI PRODOTTI AGRICOLI
DIRITTO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO
DIRITTO DELLA RESPONSABILITA' CIVILE
DIRITTO DEL LAVORO - DISPARI
DIRITTO DEL LAVORO EUROPEO
DIRITTO DEL LAVORO - PARI
DIRITTO DELLE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI
DIRITTO DELL'UNIONE EUROPEA
DIRITTO DI FAMIGLIA
DIRITTO E LETTERATURA
DIRITTO E SCIENZE SOCIALI COMPUTAZIONALI
DIRITTO PENALE
DIRITTO PROCESSUALE CIVILE 1
DIRITTO PROCESSUALE CIVILE 2
DIRITTO PROCESSUALE PENALE
DIRITTO TRIBUTARIO
ECONOMIA POLITICA
FILOSOFIA DEL DIRITTO
GESTIONE DEL RISCHIO PENALE D'IMPRESA
GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA
INFORMATICA GIURIDICA
ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO
ISTITUZIONI DI DIRITTO PUBBLICO
ISTITUZIONI DI DIRITTO PUBBLICO
ISTITUZIONI E STORIA DEL DIRITTO ROMANO
LINGUA INGLESE PER LA COMUNICAZIONE GIURIDICA
LINGUA SPAGNOLA PER LA COMUNICAZIONE GIURIDICA
MEDICINA LEGALE
NEGOZIAZIONE E MEDIAZIONE DEI CONFLITTI
ORDINAMENTO GIUDIZIARIO
ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO
POLITICHE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE
STORIA DELLE DOTTRINE POLITICHE
STORIA DELLE DOTTRINE POLITICHE (AVANZATO)
STORIA DELL'ESPERIENZA GIURIDICA
TECNICHE DI REDAZIONE DEGLI ATTI SOCIETARI
TEORIA E PRATICA DEL PROCESSO CIVILE IN AMBIENTI SIMULATI
TEORIA GENERALE DEL PROCESSO
TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA AGRO-ALIMENTARE

Docenti

Tutor

Referenti

Gruppo gestione qualità